Sesso, Sangue, Soldi – Pedopatia e Pedofobia

ssesso sangue soldi

(Tratto da “PROTEGGI I TUOI FIGLI DA INTERNET” di Fabio Ghioni)

La scienza dice che strutturalmente l’organismo umano è rimasto uguale a quello delle origini, di quando si dormiva nelle caverne e si usava la clava, e di quando il nucleo familiare e la sua consistenza rappresentavano la vera ricchezza.
Pochi individui, che hanno prodotto pensiero e filosofia, hanno contribuito a dare alla nostra razza una parvenza di evoluzione e distanza nei confronti del regno animale. In seguito, la “scoperta” dell’energia elettrica ha permesso quel balzo nella produzione di strumenti e capacità di modificare la nostra biosfera, al fine di renderla sempre più idonea a supportare l’esigenza di utilizzare la mente in innumerevoli giochi sociali. Tali “intrattenimenti” servono solo a darci l’impressione di fare qualcosa d’importante, mentre svolgiamo per la natura la medesima funzione che svolge un microrganismo o un albero: trasformare ossigeno in anidride carbonica.
Abbiamo poi anche deciso di rendere interconnesso e raggiungibile attraverso la Rete un mondo che ospita frammenti assai eterogenei di civiltà, favorendo il contatto tra elementi storici e culturali incompatibili tra loro, ed esaltando in tal modo l’espressione della differenza e dell’intolleranza, ove la regola del più forte è anche, naturalmente, la più “giusta”.
All’interno di questo grande calderone, che ospita ingredienti a dir poco inaccostabili, la nostra sindrome dell’entertainment e del divertimento di massa ha prodotto anche una stampa e un’editoria che funziona secondo la nota regola delle tre S: sesso, sangue e soldi. Pochi leggono o “cliccano” su prodotti raffinati della mente umana, e molti invece si gettano sugli scandali altrui, sul torbido, sul truculento, su tutto ciò insomma che alimenta il serbatoio di quelle emozioni dense e oscure, che abbiamo imparato a scambiare per “vita”, poiché ci fanno “sentire vivi”. Cosa si può pretendere, allora, da una società che sforna prodotti editoriali e mediatici che sfruttano la paura, l’oscuro, il sangue, la violenza e la morte, per formare i nuovi esseri umani e mantenere quelli vecchi soddisfatti?

In questo contesto, si inserisce quella che è stata definita erroneamente pedofilia. Erroneamente, perché il termine, da un punto di vista etimologico, indica un sentimento positivo nei confronti dei cuccioli degli esseri umani, una spinta al loro benessere e alla loro protezione. Quello che ci troviamo ad affrontare, invece, è qualcosa di molto diverso, molto più simile all’oscurità e alla truculenta sindrome che s’impadronisce della nostra mente, tutte le volte che guardiamo un telegiornale o sfogliamo un quotidiano.
Quella che definiamo come pedofilia, in realtà potrebbe essere più correttamente nominata “pedofobia” o “pedopatia”, poiché proprio tra le patologie deve essere annoverata. Questa malattia della mente è la stessa che spinge un essere umano alla prevaricazione su un soggetto più debole, indifeso, ingenuo o innocente; quella che guida i bulli a malmenare e umiliare i compagni più piccoli, timidi e pacifici; la stessa che determina anche l’azione crudele di chi se la prende con gli animali domestici, torturandoli e uccidendoli a volte in modi atroci. Quella sindrome che spinge alla violenza sessuale e al rapporto basato sulla prevaricazione.
Naturalmente, questa linea di condotta denota personalità non solo disturbate, ma anche determinate a comportamenti contrari alla sopravivvenza stessa della specie, e quindi antisociali. Sono persone dominate da uno spaventoso complesso d’inferiorità e dalla paura, che li spinge a riconoscere nella paura e nella sottomissione dell’altro la propria dimensione umana. Ma non lasciamo che il riconoscimento della loro patologia ci confonda: questi individui sono pericolosi e, in quanto tali, non hanno alcun diritto di mescolarsi a un contesto sociale votato alla vita. Non avrebbero ugualmente alcun diritto di occupare le prime pagine dei quotidiani, o sezioni di spicco dei notiziari in prima serata, piuttosto che le note di ricerca di qualche scienziato interessato alla risoluzione di patologie.
Tuttavia, dato il contesto votato anche alla spettacolarizzazione delle disgrazie altrui, e di questo possiamo incolpare solo noi stessi, può capitare che il tentativo di denuncia porti invece ad alimentare la sindrome stessa! Come? Nell’identico modo in cui l’attenzione maniacale puntata dai media sui lanciatori di pietre dai cavalcavia delle autostrade ha portato all’aumento di questo fenomeno.
Tutti coloro che contengono in latenza i semi di una patologia tendono a tradurre la fantasia in azione, quando questa potrebbe dar loro una dimensione di fama e popolarità, e quindi di riconoscimento (il famoso “io esisto se …”), anche per un solo istante. Il timore delle conseguenze diventa allora secondario, se non vero e proprio stimolo di adrenalina. Potremmo dire infatti che, proprio da quando questa patologia è salita agli onori della cronaca, il suo diffondersi è aumentato vertiginosamente, anche con l’aiuto propulsivo della rete, ma soprattutto, come abbiamo detto, con l’aiuto dei media, che sbattono elementi aberranti della razza umana sulle prime pagine, insieme ai grandi della Terra! Come ben sappiamo, infatti, non importa che se ne parli bene o male, ma che se ne parli. Questa sindrome del truculento ha fatto aumentare anche fenomeni collaterali, che dimostrano come il vero medio evo non sia mai terminato.
Spingendoci un poco più in là, diciamo che la spettacolarizzazione della “caccia alle streghe” porta con sé anche eventi tristi, ai quali tutti possiamo assistere ogni giorno. Parlo, ad esempio, dei genitori che seguono con il Gps il figlio quando esce da scuola, e ne controllano ogni movimento. Non siamo più liberi di sorridere a un bimbo, senza che chi è presente alzi il sopracciglio, o che il genitore non reagisca in modo protettivo, alimentato dalla paura del “mostro” sempre in agguato.
Accadono anche fenomeni più inquietanti, che partono proprio dai bambini stessi, protetti dal mondo esterno fisico, ma non mediatico, e che quindi assorbono e interpretano a loro modo le notizie e gli allarmi lanciati dai media. Un giorno sono stato testimone di uno di questi episodi, su un mezzo pubblico. Una zia stava accompagnando la nipote a casa, e quest’ultima, guardando un negozio, le chiedeva di farla scendere, perché voleva vedere la vetrina. La signora disse alla bimba che non potevano fermarsi, perché la mamma le aspettava a casa. A questo punto, la bimba indispettita le disse: “se non mi fai scendere subito, chiamo la polizia e dico che mi fai le brutte cose!”. Ho osservato questa signora, che probabilmente per un miracolo non ha avuto un arresto cardiaco, mentre faceva scendere la bambina alla prima fermata, guardandosi intorno presa dalla vergogna, con decine di sguardi puntati su di lei.
Purtroppo, possono accadere anche queste cose, quandosi scambia una corretta informazione con la cultura della paura. E mentre “informiamo” tutti, genitori e figli, dei pericoli del mondo, ci scordiamo magari che far rimbambire questi ultimi davanti a un PC, per emergere in un social network, o davanti a videogiochi che alimentano la sete di fama e violenza, può avere un solo effetto: gettare benzina sul fuoco.

Sommario
Titolo
Sesso, Sangue, Soldi - Pedopatia e Pedofobia
Descrizione
La scienza dice che strutturalmente l’organismo umano è rimasto uguale a quello delle origini e di quando il nucleo familiare e la sua consistenza rappresentavano la vera ricchezza.
Autore

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.